italy   eng    

DIPLOMA SUPLEMENT LABEL

Modello di esempio del diploma supplement che ABAMC rilascia dal 2009 automaticamente e gr...

chiudi
Folla per l'inaugurazione dell'Auditorium Svoboda
Registrati alla mailing list

Folla per l'inaugurazione dell'Auditorium Svoboda
Presente anche il Vescovo Marconi: pensando alla Shoah, come Papa Francesco dice "no alla globalizzazione dell'indifferenza"

MACERATA 30/01/2015 - Auditorium Svoboda pieno di persone. È un colpo d'occhio notevole quello che si ha appena entrati nella chiesa di San Vincenzo, oggi sala dell'Accademia di Belle Arti di Macerata, rimessa a nuovo e migliorata dal punto di vista tecnologico e dell'illuminazione. Una sfida vinta, che vale doppio: una inaugurazione, dopo un importate restauro, che registra il tutto esaurito, segno di interesse da parte della cittadinanza per questa istituzione, e una celebrazione della Giornata della Memoria, significativa e forte.

Come ha potuto ricordare la direttrice Paola Taddei nel suo discorso introduttivo, nel retro del trivium judeorum dell'Accademia si trovava, nel Cinquecento, il cimitero ebraico: questa inaugurazione ha rappresentato anche un omaggio a non dimenticare e non scordare ciò che accadde con l'Olocausto.

Alla giornata è intervenuto il Vescovo di Macerata, Monsignor Nazzareno Marconi, che, pensando alla Shoah, ha portato il suo contributo ricordando le parole di Papa Francesco sulla "globalizzazione dell'indifferenza", ovvero quando stiamo bene "ci dimentichiamo degli altri, non ci interessano i loro problemi, le loro sofferenze e le ingiustizie che subiscono".

Dopo i saluti istituzionali dell'assessore comunale alla Cultura, Stefania Monteverde, e della vicepresidente provinciale, Paola Mariani, la Taddei ha ripercorso la storia dell'intero complesso delle suore cappuccine che, da 11 anni è sede dell'Accademia, mentre il prof. Evio Hermas Ercoli ha approfondito un aspetto della storia marchigiana, parlando del ruolo della comunità ebraica nella nostra regione. Il pomeriggio si è chiuso con la lectio magistralis della filosofa Monia Andreani dal titolo La banalità del male, come il famoso libro di Hannah Arendt, edito nel 1963.

Grazie alla collaborazione con Popsophia, la serata è proseguita dopo cena con "Gam Gam, pensieri immagini e canzoni", uno spettacolo inedito che ha unito filosofia, arte, musica e cinema, creato per questa speciale occasione. La regia di Marco Bragaglia, le canzoni dal vivo dell'ensemble musicale Popsound e la voce recitante di Chiara Pietroni, hanno accompagnato il dialogo, partito dalla Shoah fino alle tragedie del giorno d'oggi, tra il direttore artistico di Popsophia Lucrezia Ercoli e Adriano Fabris, ordinario di filosofia morale all'Università di Pisa ed esperto di pensiero ebraico del Novecento.


ALLEGATO CARTELLA STAMPA

 

 

Categorie Ufficio Stampa
Anni di ABAMC
46
Corsi
per l'A.A. 2016/2017
24
Docenti
Attivi nel A.A. 2017/2018
126
Honoris
Accademici
23
Premi
vinti nell'anno 2017
12
Eventi
e conferenze nel 2017
31
Collaborazioni
attive nel'A.A. 2015/'16
21