italy   eng    

DIPLOMA SUPLEMENT LABEL

Modello di esempio del diploma supplement che ABAMC rilascia dal 2009 automaticamente e gr...

chiudi
Jump — identità visive dal sottosuolo

Jump — identità visive dal sottosuolo

Mostra di Graphic design 3 — Accademia di belle arti di Macerata

27-29.06.2019 — Duma, vicolo Tornabuoni, 4/6

Inaugurazione — giovedì 27 giugno, ore 18.00


I manifesti esposti sono la punta dell’iceberg del progetto didattico centrale affrontato dagli studenti del terzo anno del corso di Graphic design dell’Accademia di Belle Arti di Macerata, durante l’AA 2018 — 2019.
Il lavoro è consistito nella definizione dell’identità visiva per un festival (solo immaginato) incentrato sull’approfondimento delle culture undergroud del Giappone. Abbiamo ristretto il campo della riflessione su alcuni ambiti specifici come le arti visive, la fotografia, il cinema, il teatro, la danza e il fumetto,
in particolare il periodo a cavallo tra il 1960 e 1970 nel quale il Giappone post bellico si consolida come superpotenza economica mondiale ma, allo stesso tempo, comincia a rivelare delle fratture interne alla società. Queste crepe sono provocate da una nuova generazione di cittadini attivi nella contestazione politica che non si ritrovano nei valori tradizionali incarnati dalle loro famiglie e, al contempo, non vogliono aderire acriticamente alla spinta capitalistica e filo-occidentale dettata dalle istituzioni. Ne nasce un periodo di eccessi, tra ribellismo, edonismo, sperimentazione, e messa in discussione di ogni estetica preesistente combattuta sia con scelte d’avanguardia, sia attraverso
la reinterpretazione dei modelli classici giapponesi pericolosamente mischiati
dalle forti influenze pop americane.
Questo percorso ci ha portato, inevitabilmente, a confrontarci con il racconto della vita notturna fatto da Araky e Moriyama, con le eccentriche performace dei piccoli teatri di rottura e il cinema sperimentale incarnato principalmente dal regista-icona Shuji Terayama, dalla narrativa a fumetti dai toni drammatici e onirici della rivista Garo, che, grazie ai suoi autori dalle esistenze tragiche riplasma un medium pensato solo per bambini trasformandolo in letteratura. A chiudere il tutto, come nel cerchio rosso perfetto della bandiera, il graphic design, che da disciplina di progetto magistralmente padroneggiata dai maestri giapponesi diventa a sua volta linguaggio artistico, espressivo, per dare una forma a tutte queste energie dirompenti e per mettere in crisi, a sua volta,
i dogmi ormai monolitici del modernismo. — Luigi Raffaelli
Anni di ABAMC
46
Corsi
per l'A.A. 2016/2017
24
Docenti
Attivi nel A.A. 2017/2018
126
Honoris
Accademici
23
Premi
vinti nell'anno 2017
12
Eventi
e conferenze nel 2017
31
Collaborazioni
attive nel'A.A. 2015/'16
21