• GABA.MC Young
  • inDipendenze - la sperimentazione di Nino Migliori

Progetto

inDipendenze - la sperimentazione di Nino Migliori

a cura di Emanuele Bajo e Matteo Catani

dal 4 al 10 dicembre 2019

L’Accademia di Belle Arti di Macerata, nell’ambito del progetto InDIPENDENZE come per le precedenti edizioni promosso e patrocinato da ABAMC e da ASUR Macerata, il 4 dicembre 2019 alle ore 15,30 negli spazi dell’Auditorium Josef Svoboda ospita l’incontro con l’artista e fotografo italiano Nino Migliori, a cura del comitato didattico scientifico del dipartimento di comunicazione visiva multimediale, rivolto agli studenti e alla cittadinanza.


L’incontro sarà aperto dalla Direttrice dell’Accademia Rossella Ghezzi che introdurrà al dibattito con l’artista e con Roberto Maggiori, direttore editoriale della casa editrice Quinlan. Il coordinamento è a cura dei docenti Emanuele Bajo e Matteo Catani, responsabili del progetto.


Segue alle Gaba.YOUNG alle ore 18.15 InDIPENDENZE, esposizione degli allievi dell’Accademia, curata dal CDS Multimediale. Interverranno il Dr. Gianni Giuli dell’ASUR Macerata, la Direttrice dell’Accademia di Belle Arti di Macerata e sarà lo stesso Nino Migliori a presiedere alla presentazione.


La storia, la carriera di Nino Migliori è lunga e affascinante. Cominciata all’indomani del secondo dopoguerra, in quel clima neorealista che attraversa il Paese, l’opera di Nino Migliori, oltre a porsi all’attenzione per i soggetti, emerge nel panorama nazionale per la forte carica sperimentale della sua produzione. Fra invenzioni di nuove tecniche, da cui Ossidazioni, Pirogrammi, Cellogrammi, Lucigrammi, Idrogrammi, alla rivisitazione di pratiche classiche svolte in chiave contemporanea; da incursioni nell’ambito del concettuale con lavori come Antimemoria (1968), Il tempo dilatato (1974), In immagin abile (1975),  Segnificazione (1978), fino all’uso della polaroid da cui ulteriori nuove tecniche come Polapressures e Polaori, Nino Migliori non ha mai smesso di essere un curioso accogliendo, di volta in volta, le opportunità che lo sviluppo della tecnologia gli offriva. Agli anni novanta risale, infatti, l’approcciarsi al digitale, fino alle grandi installazioni degli anni duemila ci cui si ricorda per la sua monumentalità Scattate e abbandonate del 2013, opera composta da centinaia di fotografie rifiutate e mai ritirate dai laboratori fotografici, meticolosamente raccolte da Migliori a partire dal 1978. Sono innumerevoli le opere prodotte dall’artista bolognese ma, per ciascuna di esse, vale il principio della progettualità, mossa da una curiosità innata per tutto quello che lo circonda, sia esso paesaggio, persona, oggetto, situazione, quello che importa nella poetica di Migliori e che rappresenta il suo più grande insegnamento è proprio questo: fermare con la fotografia, rendere espressivo tutto ciò che suscita un’emozione per creare dei racconti da rendere pubblici,  da condividere.


È questo il senso più pregnante sotteso all’incontro con Nino Migliori. Non solo mostrare agli studenti e alla città di Macerata l’opera di un grande artista, ma permettergli di cogliere quello spirito sperimentale che muove gli sguardi dei creativi di domani, condividendo tutto ciò con la comunità, affinché essa sia un vero soggetto attivo nella costruzione visiva del circostante.
Proprio su questo principio hanno lavorato gli allievi dell’Accademia, la cui mostra InDipendenze rappresenta allo stesso tempo sia l’accoglimento dello spirito dell’opera di Nino Migliori, sia la sua divulgazione ma anche la volontà di spingerne in avanti l’insegnamento.
Questo incontro con Nino Migliori e la mostra InDipendenze anticipano il grande appuntamento espositivo programmato per il prossimo febbraio 2020 presso Macerata Musei, Palazzo Buonaccorsi, che vedrà Nino Migliori protagonista di una personale, a cura di Roberto Maggiori, dal titolo One Day In London su tre progetti inediti dedicati alla città di Londra che testimoniano come il suo sguardo non ha mai smesso di rigenerarsi nel tempo.

Progetto

In collaborazione con ASUR area vasta 3 - Regione Marche, InDIPENDENZE è l'esposizione degli allievi dell’Accademia, curata dal CDS Multimediale nell'ambito dell'omonimo progetto e ospita opere video, fotografiche e delle arte visive in genere sviluppate sul tema delle in-Dipendenze e della sperimentazione.



Offerta formativa

Sede Centrale
P.zza V.Veneto 5
62100 Macerata
T +39 0733 405150

Sede Operativa
Via Berardi, 6  
Macerata
T. +39 0733 405111

Aule distaccate 
Via Garibaldi 79/111
Macerata
T. +39 0733 405141

Aule distaccate 
Via Gramsci
Macerata
T. +39 0733 405142

I.R.M.
ex.conv. S.Giovanni
Montecassiano
T. +39 0733 405125

Biblioteca
P.zza V.Veneto 5
Macerata
T. +39 0733 405145

 

           
Contatti

Cookie Policy
Privacy policy

Copyright © ABAMC 2021 - Credits